Calendàre 2010
 
 
Arda i esibisiù de st'an
31/12/2010 TREZZO SULL'ADDA - AMIGDALA THEATRE (h. 22.00) a seguire Teo e le Veline Grasse (all'1.00)
Prima parte di Capodanno positiva all'Amigdala. Ovviamente an ghìa ü compito mia facile: scoldà l'atmosfera zamò ai dés de sìra, quando la zét l'è amò tranquilla tranquilla (un centinaio o poco più i presenti all'inissio) e sobria sobria. Personalmente credo che i 25 euri di ingresso avessero più senso rimanendo a vedere töcc du i gruppi (nóter e Teo e le Veline Grasse), ma non posso non sottolineare come tanti bepifans siano così fans che i à decidìt de ardàga lé e pò a de curìga dré dopo la mezza fina a Bèrghem. La qualità del locale e dell'impianto (grassie anche al Davide al misser) non si discute e quindi è ovvio che ol concèrt de l'Amigdala l'ìa 'mpó piö pumpàt rispèt a chèl ala Cantinaccia, ma ci remava un po' contro il fatto che, pòta, a mesanòcc an ghìa de finì per forsa e 'n ghìa sèmper ol fiàt söl còl. Piaciuto il countdown? 49, 34, 21, 33, 4, 3, 2, 1...buon anno! Ma sé ca l'è stès: minuto più minuto meno che càmbiel? Söl palco al ghìa sö pò al Teo a fa s-ciopà la butiglia! Una volta finita la nostra parte via de corsa(talmente de corsa che öna quach tòch i è restàcc in dol camerì) a Bèrghem e simpatico arrivo in contemporanea con parte dei fans chi riàa a lur da Trèss! Sulla A4 tutto tranquillisimo. Purtroppo poche ore dopo non sarebbe stato così e speriamo davvero che l'amico Massimo Carrera esca bene in tutti i sensi da questa brutta storia dell'incidente. La segónda pàrt dèla seràda la lesì ché sura. Grassie al Michele e allo staff de l'Amigdala e anche a Teo e le Veline Grasse e alle loro mamme (lasagne dèla mama del Carta spettacolari!!!).
04/12/2010 BRESCIA - TEATRO S.GIULIA (breve apparizione per la presentazione di "Gói de cöntàla vol.10" h.20.45
Bèla seràda (e pò a lónga) chèla de Brèsa al Teàter S.Giulia! Per la presentassiù dèla compilation "Gói de cöntàla? Vol. 10" an sìa zo 'n metà de méla e l'è ü bèl laùr perchè vuol dire che c'è movimento attorno al dialetto. Diversi nomi di spicco (al ma facc piasér, per esèmpe, cunusì mèi ol Canossi di Luf o gli Italian Farmer. Con Kèi del furmai, 'nvece, ormai i è sbambosàde a manèta sèmper: söl finàl ghìe 'nfina a 'l Loca söi spale) e un pissico d'emossione nel picchiar giù "La mé zènt" col Charlie Cinelli sul palco. Mé al só mia se a lü chèl ca fó mé al ga piàs, ma lui ha una dote nello scrivere, nel suonare e nel cantare certe canzoni che io gli riconoscerò sempre. Per me aver potuto eseguire con lui e i Prismas quel brano, pròpe a Brèsa, è stato un grande onore. Ol pluchetì 'n da scarpa che ghìe de tràm vià (per la storia del prim de màs)disóm ca lo limàt impó. Al giornalista-genio, autore del famoso articolo, go dàcc adòs sé, ma meno de che ülìe fa...In fondo alla platea poteva anche fregare poco della vicenda, ol tép l'ìa mia tat e de dré ghìe öna caterva de gruppi chi spiciàa. Va bene così: ol laùr piö 'mportante lo dìcc e doma i sòch i a mia capìt come la pènse. Söbet dopo ma facc ol pezzo nöf, intitolato "Gnurànt" (vi dice nulla? Ricordate il cruciverba della caccia al tesoro al VI Bepiraduno?) e digherès che l'è gnìt fò bé. Infine, tat de fa capì che tipi c'an sè, gran chiusura con "Erba e néf". An sè cuntécc de ìsga amò sö la compiléscion bresàna (in vendita nelle edicole de BS a 12,00 euri). Unico neo: nell'inlay dol CD i a facc zo "Il Bepi" e mia "Bepi & The Prismas". Quace olte c'al dìghe ai urganisadùr, ma i sbaglia amò 'n tance, pò a söi locandine di concèrcc! Non partono da me 'ste cose, sia chiaro. Io della mia band sono stra-orgoglioso e ci tengo che compaia il nome Prismas ogni qualvolta si trovino a dividere qualcosa insieme a me. 'N dol librèt interno invece è tutto a posto (a parte un IL di troppo, ma oter..). Grassie, come sèmper, al super Delai presentadùr e a chi ci ha seguito anche qua. O ést che tace (anche bepifans) i è restàcc de fò perchè sènsa biglièt. Impó tròp fiscài chi dol teàter, digherès. In sala tace pultrune i era öde. Ai èm sorri...ma rìe mia depertöt!
26/11/2010 FINO DEL MONTE - SALA CONSIGLIARE (Paolo Mazzucchelli incontra/intervista il Bepi nell'ambito della rassegna "5 dischi per l'isola deserta") h. 21.00
Seràda piacevole dal bù chèla di "5 dischi per l'isola deserta" in dol cümü de Fì. 'Mpó rüinàda dala nìf gnìda zo la matìna (e che la sira l'è dientàda giàss), però dai: la sala consiliare l'ìa piena stès! Il Paolo Mazzucchelli ha tirato fuori dal cilindro argomenti e documenti inaspettati, all'interno dei quali i 5 dischi da me scelti i è filàcc vià drécc come l'öle. Quali sono? 1 - Paolo Conte - Concerti (la parentesi di musica italiana scultàda a quintalàde dai 15 ai 25 agn disóm), 2 - Trace Adkins - Ten (con d'ü discórs cumplicàt fés söl country, l'America e l'Europa), 3 - Rammstein - Sehnsucht (ol mé lato perverso e catìf), 4 - Ac/Dc - Live in Donnington (ol rock'n'roll per mé i è lur) e infine 5 - Autori Vari - Hüttenzauber in Tirol (co' la doverosa parentesi söl Tirol e sö chèl c'al rapresenta per mé). In mèsso tanti discorsi, alcuni facili, altri meno, comunque piacevoli da affrontare e ala fì du laursìne face zo ala buna co' la mé chitàra, come chicche rare (tanto care al mitico Paolo pustì): "Cane Pompeo" e "La paura". Un grosso grassie a tutti i presenti, al Paolo ideatore e conduttore, al Sìndech de Fì Matteo Oprandi e al Marco Scandèla cunsigliér e, infine, al ristorante La Baitella de Unùr. Urco Giuda che maiàda e che biìda coi fiòch!
25/11/2010 DARFO BOARIO TERME - MARTINI LOUNGE CAFE' (Spettacolo FìABòt: Alessandro Ducoli/Andrej Kutov in "Sbarco in Lombardia". A seguire il Bepi in "Biancaneve e i 7 nani") h. 21.30
Mia mal dai l'esibissiù a Boér del FìABòt! Spostato dalla cornice di Somàs indubbiamente il doppio spettacolo Ducoli-Kutov/Il Bepi-Incani impó al pèrt, però ol Natale dol Martini Lounge Cafè l'è stàcc brao a creà chèla zona country lé dol locàl 'n do ca l'atmosfera l'ìa anche abastànsa colda (la temperadüra 'mpó meno). Ol Ducoli la fàcc ol sò "Sbarco in Lombardia" co' l'Andrej Kutov al piano e dopo al mè tucàt a mé co' la mé "Biancaneve". Nonostante qualcuno già sapesse "FìABòt" a memoria (ma dumande cumè) edìe chi grignàa stès. Mèi 'ssé! Ala fì rispèt a Fì o metìt dét di parentesi nöe e 'nno trace vià di otre. Direi più che gradevole alla fine il risultato, considerando che era pur sempre un freddo giovedì sera camuno. Ol locàl l'ìa pié ciómp e tace di presenti i era bepifans. Ol Ducoli ala fì de la sira l'ìa dré come al sólet a cunvincì i mé fans che i era sbagliàt persuna e che 'l cantante de córega dré al ghìa de ìs lü e mia mé! :-) Vi ha convinto? So anche che è arrivato persino a regalare i suoi CD a decine e decine (doma coi gnòche però) pur di strapparmi un fan. Al ga amò de capì che 'l mé segreto l'è la biglia rasàda! :-) Grassie mille a tutto lo staff del Martini, a Ducoli e Kutov e al prode Luca Morzenti art director.
21/10/2010 SOTTO IL MONTE - FESTA LEGA NORD
Bòn (o bònch come 'l dìs vergü)...l'è 'ndàcia a chèsta! La stagiù estiva 2010 l'è finìda e digherès che come chiusura l'è stacia bèla. Ol frècc al sa fàa sentì, l'atmosfera estiva l'ìa per fórsa ü vago ricordo, l'ìa giöedé e la zét ol dé dopo la ghìa de leà sö prèst...E' difficile ricreare quell'aria da ferie e òia de stà de fò che la gh'è d'estàt, ma 'n ga pruàt e per 2 ure 35' ma rüsàt come di danàcc. De südùr an no perdìt asé li stès alà! Ol tendù de Sota 'l Mut l'ìa enorme e l'acustica ne risentiva (per sentir bene là dentro bisognàa ìs almeno 'n 6 méla!), ma almeno c'era spassio e voglia di muoversi (ol frècc l'ìa ön incentivo 'n piö). Inissio tutto country, parentesi pop/dance in mès (ma sunàt pò a "E cante chi") e finàl bèl gnèch. Bràa dal bù l'Azzurra de Valtrighe sö "Spèi fèmne" che, anche se la sentìa bèl e negót, l'è 'ndàcia benone. Un po' meno bravo il Dolcetto che dopo 2 agn che 'l vèt la dansa finàl sö "Disco Sexy Bar" al ghìa amò de ìla 'mparàda (sito, sito che l'è saltàt sö söl palco: incredibile). Un grosso grassie all'organissassione gentilissima della festa, al Giuliano striscionista coreografo e ai suoi scagnòssi, ai ragassi della Audio&Luci (che i è sèmper de piö! Iér a smuntà i era 'n metà de méla)e naturalmente ai nostri fantastici fans. Se 'l sücét negot de clamoroso an sa ciapa l'an che é o a Nedàl! Tegnì dür, ma racumànde!
19/09/2010 OLTRE IL COLLE - RIFUGIO CAPANNA 2000
Töcc i olte che 'n sa 'mbarca 'n d'ü laùr dol gèner al gh'è sèmper ü punto 'n do ca ta sa dumàndet: "Ma chi che 'l me la facc fa?", però gh'è de dì che quando to rìet a cà to sé cuntét de ìl facc! Idem la storia matta del Capanna 2000. Tutto inissia il sabato. Mé e Bobo A4 an rìa al parcheggio a 1600m dopo aver superato guadi de 25 cm de acqua, plocòcc burlàcc zo dala montagna 'n mès ala vià, seriöle gnèche che sbrofa da töcc i cantù: scenario apocalittico. In sìma ol Guidone, l'Animale e 'l Dolcetto i ga spèta 'n màchina (Còchet al ghìa mia). La é zo talmente a sidelàde che 'n ga rìa gnà a rampà fò per salüdàs. I telefoni non prendono. Scendiamo un po' e finalmente riusciamo a beccare l'Attilio rifugista. Col pick-up scende e, grassie al mio mitico Defender, in d'ü pér de viàs an ga ria a menà impiànt e töt a quota 2000, al riparo nel rifugio vecchio. In tempo per l'ultima salita al ria pò al violinista Albini. Al tira zo 'l finestrì 'lla machina e 'l fa: "Ma...ma...ma oter sì fò f...!!! Ma avete pres....ma oter sì fò f...!!!". Giusto il tempo di cambiarsi e lo attendono 15 minuti di salita cattiva selvaggia con me, söi plucù e söl gerolòt. A metà chiede di scendere, ma poi ci ripensa. La sìra la à là a s-ciarìs fò e all'ora di cena siamo seduti a tavola in 20/30. Tace i è mia gnìcc purtroppo: comprensibile, ma s'püdìa fala stès la smatàda. Splendida la seràda al rifugio, davanti a un panorama e a öna paràda de stèle de fa pura! Un po' meno la notte. 9 persune 'n camera i è tròp tance. I ronca quase töcc. Decide de mia dürmì e amen. La Patrissia rifugista la lèa 'n pé ai 5.00 a fa 'l pà e i turte. I munta ol palco coi panò visì a l'alterì sota 'l Capanna 2000. La giurnàda l'è bèla, la zét la taca a rià a muntù. Mé turne a 1600 a catà sö la pedaliera de l'Animale desmentegàda n màchina. Tutto a posto? Credìe a mé! Mancano 2 cavetti da 4 soldi che uniscono i sub-woofer ai satelliti dell'impianto. Öna bursina granda issé...ma l'è a cà mé a Ruèta! Panico: meno male che c'è un telefono fisso. Dopo qualche tentativo troviamo la solussione: ol mé bubà Franco al rierà co' la bursa fina a Onéda e 'ntàt l'Alberto aiutante de l'Attilio l'indarà zo col pick-up, sperando chi sa tróe e che la bursa la sabe chèla! Il concerto slitta dalle 11.00 alle 13.00 (chèl oter...almeno 'ntat i maia). Arriva il pick-up: töt apòst. A l'öna an part. Ol tép l'è 'ssé e issé. La matìna l'ìa bèla, ma a 2000 méter al cambia tötùra. Sale la nebbia. Basta che 'l piöe mia. Ol concèrt l'è frissantino, quase zélt: la gente soffre con noi, ma pochi mollano. Argü al ga anche ol strisciù! Da segnalare quello vivente (a torso nudo: potere dèla grapa) de Oltre il Colle, sventulàt tipo bandéra. Prima de fa i cansù 'mpó piö tranquilòte dumande ala zét: mi sembra giusto. Al fa frècc e forse i ga òia de saltà. Qualcosa si salta, ma "Gleno" la vogliono. Ma la suna: atmosfera surreale. Le dita faticano a muoversi col freddo, qualche sbavaturina, ma poca roba. Il silènsio è sempre più silensio. L'assolo dell'Animale al sömèa amò a piö sfersante dol sólet...la zét la pica i mà. Bello. Da lé 'nnante l'è doma rock, per chèl c'an pöl fa con d'öna chitara sula e 'l viulì de Albini. Sö "Co de goma" torso nudo a mé e töcc chi chi ga 'l coràgio de sfidà i 6 gradi. Trenino tipo ültem de l'an sö per ol prat sö "Coston Beach" e via! Bicchierozzo di latte caldo, ancora 4 o 5 trasbordi di materiale (gentilissimi davvero tutti quanti a darci una mano con l'Unimog e in tutto!). L'Attilio e la Patrissia, ipermega disponibili, sono contenti: poteva andare meglio, forse, ma soprattutto molto peggio. A cà só desfàt, ma 'n dol mesàgio c'al ria dal Bobo A4 c'è il giusto sunto: "Bella storia ol concerto 'n montagna".
12/09/2010 GAVERINA TERME/TRATE - FESTA DE FASÖI (ore 16.30)Visita il sito della manifestazione!
Gran bella festa chèla de fasöi de Trate (anche se a sunà an sìa sota 'l tendù a Gaverina). Siamo stati accolti come delle star e i ga dàcc anche de maià e de bif come di star tant'è che al ritorno abbiamo contato più curve che all'andata! :-) La festa già di suo merita perchè i gh'è öna sfraca de attrassiù che di otre bande truerì mai (ol pirlì, ol rasgamènt dèla bora...), oltre ai famigeratissimi fasöi. Col nòst concèrt i a ülìt faghela cognòs ala zét che la riàa pò a de lóns (anche se di locali comunque no ést impó eh!). Söl palco l'assènsa dell'Animale è logico che un po' si sia sentita, ma 'l Còchet l'è stacc brao a fa 'l dope laurà con l'ausilio non da poco del M° Vincenzo Albini al viulì, tanto bravo quanto alla mano e simpatico come persona. Pò a lü come maià e bif al rèsta mia 'ndré dol sigür! Bel concerto, nént de dì, carichissimo per tante ragioni, non ultima la bela giurnàda de sul. A mé i ma piàs pròpe tant i contesti montani e/o simili, 'ndo ca to fenéset de sunà e magare ta pö sentàs zo e tacà tranquillamente a fa la tò séna sènsa ansie gnè negot. Bellissimo. Pènse che iér impó l'ìa 'ssé la storia, visto che ma finìt de sunà ai 19.00 e mi ha fatto piacere vedere tanti bepifans a cena sotto il tendone. Bravissima (ma mé g'al sìe zamò) pò ala Valeria de Milà, cantante tosta, che la ülìt fa la vice-manenti sö "Spèi fèmne". Eh beh...l'è buna de cantà, nént de dì! Un grosso grassie al Lodovico Patelli, ma pò a töcc i sò aiutanti. Spère che la festa de fasöi, che presentai come Tiziano Incani la bellèssa di 11 anni fa, continui a godere di splendida salute perchè è di certo una tra le cose belle della nostra terra. Ol 2010...ahimè, per nóter, al va là a finì...
11/09/2010 BERGAMO - EVENTO FINALE ON THE ROAD 2010 (Bepi solo)
Digherès töt come da cupiù a Bèrghem per la seràda finàl de On the road 2010. C'era il forte pericolo che fosse una prisma impienìta su di molta in quanto a frizzantosità (neologismo coniàt da mé adès perchè al ma ucurìa) e chèsto i 'llo sìa töcc, pò ai urganisadùr, se no i m'avrès gnè ciamàt. Essendo il tema trattato serio, del resto, püdìe mia gnè 'ndà dét tròp a ìda, rischiando di trasformare tutto in una cosa troppo faceta. Ne è uscita una serata che forse avrà un po' deluso chi voleva un vero concerto di Bepi & The Prismas, ma che in compenso ha trattenuto in Piassa Vittorio Veneto tanta gente, facendo un po' divertire e facendo anche un po' passare il vero messaggio che l'ìa pò chèl dèla sigürèsa söla strada. In pratica go fàcc ol valletto spacatole a nastro a l'Alessandro Invernici presentadùr, ideadùr del töt, e 'n mès go 'nfilàt 6 cansù a tema stradàl: "I du camios" sunàda 'nsèma al M° Damiano Rota al piano (strabrao), "La cua" e "Bambo mé" sö base, "Stà al mónt adès" co' la chitàra e basta, "Johnny the sheriff" denàcc ai potensiali, veri sceriffi (!) e "Kentucky" come sigla finàl. La parola sigla la dorve mia a caso perchè töt l'ambaradan l'ìa riprendìt dai telecamere del Paolo Cernuschi e prossimamente püderì èt la seràda sö Bergamo TV. Una cifra le personalità presenti, oltre ai ragassi che hanno partecipato a questa lodevole inissiativa-reality (argü pò a bepifan). Numerossissima a cagnarosissima, natüralmènt, la schiera de bepifans, confinati de dré e 'n banda ala zòna "vips in divisa". I ma dìcc che o scunfundìt ol nòm dol Presidènt Napolitano (Giorgio) con chèl del cantante anni '70 de "Come ti chiami?" (Umberto). E va beh...l'è come quando to sconfondet Giorgio con Claudio Lippi (beh, forse c'è un po' di gap tra i due disóm!:-)). Grassie all'Alessandro Invernici, alle sue belle sorelle, al Mattia del sèrvis, efficientissimo come me lo ricordavo, e a chi del buffet al Centro Congressi: so riàt fò tarde, ma töt chèl che o maiàt l'ìa super!
03/09/2010 INZAGO - AQUANEVA
Öna bèla data chèla a l'Aquaneva de Inzago! Zét sigüramént ga n'ìa meno del sólet, però, considerando che eravamo fuori provincia e nemmeno di poco (l'è l'è Milà), che si pagavano 5 euri a venir dentro (va beh, tace i era zamò dét dal dé a fa i tuffi) e che bisognàa rià apòsta lé (l'è mia che to ga pasàet per caso de fò) credo si possa essere più che soddisfatti. I bergamàsch i a fàcc sö öna bèla cagnara e i non-bergamaschi i gh'è 'ndàcc dré a manèta (il volume dei due cori su "Coston Beach" quasi si equivaleva). Come sempre divertenti i fuori-programma, tipo ol finàl cambiàt de "Co de goma", adattato alle esigense di copione degli insaghési (che i vülìa che 'l ma brüsàes argot d'oter che mia ol canèl) o tipo 'l discors sö X-Factor. Previsto e fatto, invece, l'omaggio al dialetto milanese, con citassione da "Johnny the Sheriff", quando ma picàt zo "Al mercàa de Porta Romana" dol Nanni Svampa. Prevista e fatta pure "Spèi fèmne" con l'emossionatissima, ma determinatissima Alessandra di Vaprio: bràa a cantà, 'mpó piö 'n difficoltà a stà 'n pé söi tàch 12 ghèi! Speróm de it cunvincìt almeno argü di neofiti dai... Un grosso grassie a tutta l'organissassione del Parco.
29/08/2010 CAVLERA DI VERTOVA - LA BÜSA (BAITA MISTRI)
Pota, pota...in Cavlera, su dal Leo e la Valentina, an respira sèmper ön aria particular, gh'è negot de fa. C'è quel sapore di montagna, anche sa 'n sè mia pò 'ssé in ólt (1200m) per cui, ala fì, i vé sèmper fò di giurnàde memorabili. Così è stato anche per questo 29 agosto 2010. Ala partènsa dela Strabepi (gara-camminata, per modo de dì, podistica da Erfa a Cavlera: 7 o 8 km con 600 m de dislièl) an sìa 'n 45 (tutti regolamente iscritti dall'efficientissima Lisa crono-woman)! Piö de 20 'n piö rispèt a l'an prima! St'an però l'è stacia piö düra: a parte 'l fatto che ma sbagliàt töcc ol sentér an sè riàcc comunque 20 menücc prima de l'an pasàt! Gara tiratissima risoltasi negli ultimi metri, con il Mauro de Cavriàt e l'Animale da Cortile ch'i ma destecàt de 30 segoncc e a 1 menüt de mé ol Giuliano de Costa Ulpì col sò socio móch. Complimenti comunque a tutti, pò a chi che i è dré a rià amò ach adès! All'arrivo il punto ristoro gentilissimamente offerto dai coniugi jagger. Dopo il solito super-pranso (pissoccheri+casonsèi+polenta+brasàt+de töt e de ogne de bif), ai 15.30 ma tacàt a sunà e per 3 ure ma piö desmetìt! Ma sunàt anche di laùr rari tipo "Motocross", "Metropolàster" in versiù acustica e naturalmente "Oia 'ffa nént" col mitico Leo de Cavlera. Sorpresissima: l'arrivo söl palco de la Debora "Sella Rovente" prima dèla sò cansù. Posteriore decisamente all'altèssa del brano e molta simpatia e ironia che le hanno fatto onore. Bellissimi gli sriscioni del Giuliano e finàl stracarico, per la gioia per il tempo che ha tenuto, ma soprattutto per l'effetto, nei Prismas e nel pubblico, dell'amaro della casa che 'ndà a saì cos'al ga dét! La sira spaghettata per töta La Büsa, premiassioni della Strabepi e öna braca de barselète prima de 'ndà a baita (la nòsta staolta). Davvero tutto semplicemente molto, molto bello. Grassie a töcc, soprattutto, come sèmper, ai padrù de cà Valentina e Leo e ala sò gentilissima squadra!
26/08/2010 SERIATE - FESTA DEMOCRATICA
Bel concèrt dai chèl de Seriàt (dove mancavamo dal 2006) ala Festa Democratica! Ol palcù l'ìa bèl, bèl l'impianto audio/luci anche e 'l tép l'ìa perfetto. Zét tanta, soprattutto nella parte centrale del concèrt (pòta, l'ìa giöedé e tance 'l dé dopo i laùra adès): credo che la scelta di avere Bepi & The Prismas ala Festa Democratica, sebbene contestata da qualcuno, alla fine abbia di nuovo dato ragione a chi c'ha voluto. La scalèta l'è stacia particulàr: inissio tutto italiano con "Rock Band" e "Irina" e in messo cose che 'n fa mia tat de spès tipo "Ol mé Kevin" o "Pase zo". Sènsa rendermene troppo conto o ciciaràt asé e 'nfatti a mesanòcc sìe 'n ritàrt bestia! Per fürtüna l'urganisadùr al ma dàcc öna proroga e alura an ga sè riàcc a 'nfilàga dét pò a "Cosa ga det dré ai terù?" e a öna versiù ibrida "Non 6 x me/Coston Beach" con nientepopodimeno che Doctor Faust coi mantesì a boca söl palco! A fa "Spèi fèmne" 'nvece l'è gnida sö öna carichissima Lara de Mürnìch: 12 agn e energia a brache! Bràa Lara! Mi si perdoni la digressione su giornali, ultras e töt ol rèst: i mè restàde ché l'indifferènsa e l'ipocrisia dimostratemi il 1 maggio e adès ga i mande piö a dì gnàch a lur alà...W il Bepi e i Prismas! W i bepifans (pò a iér tance). ...E töcc i bale i ansa. Ecola. Un grosso grassie a tutta l'organisassione della festa e ai ragassi delle cucine: qualità, gentilèssa, efficiensa. Bravi! Speróm che anche nóter m'abe lagàt öna buna 'mpressiù.
21/08/2010 ROVETTA - VI BEPIRADUNO!!!
Difficile scegliere da dove partire. Mé partirès da ü "grassie" enorme. A töcc. A töce i asuciassiù dol mé paìs chi sè sbatìde 'nsèma a mé per trà 'nsèma ü grant festù, a töcc i bepifans e i curgiùs che i è gnicc a truàga a Ruèta e che 'l ma sömèa i sa sabe diertìcc asé, ai Prismas chi ma dàcc öna mà disinteressata da veri soci, al nòst sèrvis Audio&Luci per ol mega spetàcol chi a tràcc in pé, a Brasi Sport per i magliète dèla Caccia al Tesoro Beposa, ai collaboratori della stessa (Bar Birimbao de Sa' Lurés, Bar Centrale de Fì, Gruppo Faine e Sci Club) e al Cümü e ala Pro Loco che dal vólt i vigilàa. Rovetta è stata pacificamente invasa già dalle 8.30, ora della prima visita ala Galleria di Valzurio (piasìda?), visita guidata al Museo Fantoni piena (bene!), Caccia al Tesoro beposa (15 squadre partecipanti) inissiata con un mini-concertino mio co' l'Animale e il Cochet sura 'l garàs de cà mé e poi via: un sacco di personcine colorate in giro per ol paìs (e oltre) a tràs sech. Qualcuno mi ha maledetto per la salita oltre Cima Fantasèl...io che avevo voluto faceste anche una bella passeggiata in mèsso ai boschi montagnosi! Arda té! Impossibile raccontare ora tutti gli aneddoti che mi hanno riferito (brào ah ol JJ a fa 'l cinghiàl?), ma tròp bèl saì che i è gnìde fò certe ròbe. Credo il divertimento non sia mai venuto meno. E ala fì, ciligi(o)na sulla torta: ol concèrt. "Donne dell'era e musici" prima de nóter per 40 menücc coi sò bèle cansù popolàr in abiti tipici e pò dopo 25.000 Watt e 2 maxischermi 4 x 3m a nòsta disposissiù per sircà de dà ol mèi del mèi. I Prismas e il nostro ospite in gran spovero Vincenzo Albini erano abbastansa emossionati e 'sta roba ché la ga cargàt amò a de piö! Impeccabile il "Gleno" che, coi contributi video, la ga sèmper öna marcia 'n piö. A sopresa sö "Spèi fèmne" un'emossionatissima Daniela de Scans (voce di "Opzione 90") in versiù cantante prima (mia mal, mia mal) e telefonista "lazzziale" poi. Sö "Erba e néf", poi, al püdìa mia mancà ol mitico Mario Polèt, sèmper cuntét de cantà la sò cansù denàcc ai bepifans in delirio! 3 ure de spetàcol, ancora nessuna cifra ufficiale sulla somma raccolta e devoluta all'Associassione "Aiutiamo Renato" (ieri presente nel pubblico), ma prospettive ottime, a inissiare dal numero di biglietti venduti per la sottoscrissione a premi (tanti bepifans tra i vincitori!). Gli adesivi del BFC son stati fatti fuori tutti e pare che anche col 25% del ricavato del merchandising qualcosina di buono tireremo fuori. Ala fì, a nòcc inoltràda (al sè anche schiantàt ü tipo a l'incrocio vèrs ai 2.00: nessuna conseguensa, ma öle 'mpertöt) an sìa töcc bèi desfàcc (compreso ol Sìndech Stefano Savoldelli), ma visibilmente soddisfatti: i era mìs che 'n preparàa töt e 'n vedìa mia l'ura de bötàs töt ai spale. Forse nessuno di noi si aspettava tanto: tempo bello ('nfina a colt: öna rarità a Ruèta), tutto perfetto a livello organizzativo e soprattutto öna sbordelàda compàgn de zét (pare foste oltre 3000 al Parco). La tradissione positiva del Bepiraduno la à 'nnàcc dunque. Ön otra foto splendida de metì 'n de l'album: mé 'n dol mé, ma spère anche oter in dol vòst.
20/08/2010 OSIO SOTTO - FESTA LEGA NORD (Campo Sportivo)
Nént de dì: Ös al tradés mai! Pò a staólta, anche se la lochéscion l'ìa diferénta (ol camp dol balù) la zét l'ìa tanta e la festa la sè 'mpienìda bé. Sono contento perchè la Carmen e töcc chi oter de l'urganisassiù i s'lo merita! Ringrassie a tal proposito ol sò om che 'n prensépe al ma unciat sö mia de schèrs! Un mega-plauso all'Anselmo barbér de Gageniga che 'l ma preparàt la crapa per ol VI Bepiraduno: VI denàcc e....motosega de dré (facia coi coi caèi eh!)!Chi c'al credìa comunque che 'n sa sarès risparmiacc per ol Bepiraduno è stato categoricamente smentito: ma sparàt dét a töt con "I boröle de Tone" adiritüra 'n font ala scalèta! Visto ol menù austriaco o pensàt bé de casà dét pò a "Ol medley de l'estàt" e "Brenner Autobahn". Ol ballottagio tra "Cane Pompeo" e "Johnny the Sheriff" a 'lla ensìt la segonda mentre per "Spèi fèmne" ci siamo avvalsi della Milena pettinatrice autoctona, un po' emossionata, ma brava nel far la sua parte. Só gnìt in mès ala zét sö "Disco Sexy Bar", ma so samàt vià ala svelta perchè ga edìe negot e res-ciàe de pestà öna quach boce o öna quach bursète firmàde! Grassie a tutta l'Organissassione della festa e a töcc chi chi ma fa sèmper i regalì!
07/08/2010 SARNICO - PIAZZA XX SETTEMBRE
Sigüramént la data de Sàrnech la sarà öna de chi che 'n desmentegherà mia 'ssé facilmente! Cornice splendida, palcù strabèl, ü bordèl de zét e tempo perfetto. L'è 'ndàcc töt ala granda. Ringrassio il signor Serpellini (padre del mitico giornalista) che ha speso belle parole per me prima dell'inissio. Spere de ìt spunciàt come al ma dumandàt! 2 ore e 45 di concerto: inissio rock&blues con "Moto Gussi R&R" seguita da "Bank Blues" e poi la parentesi country nella quale ma metìt pò al "Gleno". C'erano migliaia di persone in quella piassa; poteva venir fuori una cosa fuori posto e 'nvece le filàda vià meravigliosamente bé, nella giusta attensione (probabilmente aiuta parecchio il cappello introduttivo. Mia töcc i sa cosa l'è sücedìt al Gleno 87 agn fa) e coi Prismas in gran spolvero. Laghìm la sudisfassiù de it tracc la batida ironica (ma anche fortemente auto-ironica) söl cunfì Berghem-Bressa rapresentàt dal put tra Sàrnech e Paràtech ("di qui i rassicuranti nostri...di là...gli inquietanti alllllltrrrri!"): mé 'n certe laùr ol mé bèl müs de tola al mète sèmper e sènsa pura. So mia nasìt per fa 'l cünì mé! "Spèi fèmne" fatta giù stavolta con la giovanissima (16 agn) Martina de Cavriàt: tipa particolar eh! Spesso prendeva linee melodiche altenrative chi ga stàa dét infina a bé! Bràa Marty! Ala fì al gh'è tocàt slongà (ma ulentera dai) la scalèta perchè ol Gianpaolo Bellini al m'ìa dìcc che 'l sarès riàt per i 23.30, ma...pòta al riàa mia! E alura, dopo "Erba e néf", fò de scalèta, ma metìt "La Erika" e "Balù". Ala fì, ai 23.45 Gianpaolo l'è riàt. Bellissimo picchiar giù "Gianpaolo Bellini" a pochi metri da casa sua, davanti alle stelline accese dai bepifans e alla gente che in coro cantava: "E cante chi dopo 20 agn l'è amò ala Dea...". Credo che anche lui sia stato contento. Bello. Nént de dì. Bello (giochino di parole). Un ringrassiamento particolare ala Pro Loco de Sàrnech (soprattutto ala Manuela), ala Protessione Civile e al salümér de Sàrnech e la sò fonna chi ga purtàt zo 8 kg e mès de salàm che 'n finirà de maiàl in dol 2014!
06/08/2010 TREZZO SULL'ADDA - PARCO (data con Teo e le Veline Grasse)
Data simpatica e atipica chèla al Parco dèla Villa Cümünàl de Trèss! A parte i sansàre a nìole (l'è töta nòcc che ma grate) la serata era splendida (serenissima, forse chèl falinì tròp frégia) e l'assènsa del tetto sul palco non ci preoccupava (fosse stato un concerto normale dei nostri non avremmo suonato: il tetto per noi è tassativo). Acusticamente, ansi, ìga mia ol tècc l'è doma che ü vantaggio e credo che l'audio ieri non fosse male. Almeno mé parle per come o sentìt Teo e le Veline Grasse, che hanno aperto le danse "a loro modo", con un improponibile (ma l'hanno comunque proposto) abitino di latex nero (compreso il Galli che 'l töl gnè bòta pò!). Purtroppo era prevista 1 h e 15' a gruppo, ma essendo partiti un po' dopo ed essendo andati quel pelo lunghi, mettici sopra i tempi del cambio-palco, pòta, a noi sono rimasti 50/55 minuti e ma rüsàt a doér! Tuttavia s'è dovuto eliminare qualcosa dala scaletta (tipo "La festa", la lettura degli striscioni, ma soprattutto "Spèi fèmne": Giuliana di Trezzo scusami. Troverò il modo di chiamarti ancora). Chèl che 'l mè spiasìt piö de töt l'è stàcc mia fa la super session coi soli sö "Coston Beach", ma d'altronde ala mèsa bisognàa teà fò. Per quanto concerne le ospitate mé so saltàt sö con Teo e le Veline Grasse a fa "Tocca toccami" (al ghìa pò a l Bobo A4) e "America" mentre ol Teo la facc con noter "Kentucky" (col Palmieri al sax), "Moto Gussi R&R" e "Co de goma", oltre alla già citata "Coston Beach". Come c'era scritto nella presentassione: due gruppi simili, ma anche no. Uno che dice d'esser fuori ma ci sta dentro e uno che dice di starci dentro, ma va sempre più fuori. A voi capire chi è uno e chi è l'altro. Grassie a tutto lo staff dell'Amigdala (organizzatrice dell'evento), al fonico Davide e allo Stefano Galli Animale da Cortile che iér la fàcc la dopièta: sensual fetish girl con le Veline e sensual country man coi Prismas. Ma mia gnemò decidìt, però, chi che 'l ga de pagàl!
04/08/2010 PONTIDA - FESTA DI PONTIDA (FESTA LEGA NORD)
Wow, seradùna chèla de Püntìda! Chi c'al sa spetàa ü ròs compagn de merculdé 'ssira? Tata zét, bèla temperadüra e animi "caldi" (nel senso buono neh). Era presente anche una troupe di "Exit" (La7). Segónt mé i ghìa mia pròpe i intensiù de cantà i lodi gnè di Feste dela Lega gnè de chi chi ciama a sunà, però la mia speransa è quella che la lunga intervista che mi hanno fatto non venga abilmente tagliata per strumentalissare certe mie frasi. Giornalista (bel gnuchì tra l'altro) e cameraman i ma dìcc che ol spetàcol al gh'è piasìt fés: speróm! I ma dumandàt se 'n dol finàl dighe "Roma ladrona!". No, dìghe "Co de goma", ma questo la dice lunga su quel che si aspettavano da noi! La scalèta l'è partìda söl country andante e l'è finìda a tunàde con "Metropolaster" e "Cosa ga det dré ai terù?". Appressatissimi i strisciù dol Giuliano (ieri rispolverato il fotoromanso sö "Fermoposta"), grassie a chi de Püntìda chi ma purtàt amò lé ol strisciù dol 2005 "Fò dala césa ü ròs de bèla gnòche". A fa "Spèi fèmne" l'è saltàda sö la Cris parüchéra de Botanüch, tiràda da gara: moooolto emossionata, ma nel complesso brava (l'è mia facile, credìm!). Brao anche ol Còchet a fa scoldà la zét col sò solo pre-"Pirlies". Unico punto di smarrimento: l'inissio di "Rock band". Colpa mia che ho letto un altro pèsso in scaletta e ho mandato in confusione tutti i Prismas che poi, al momento giusto, sono partiti ognuno con una cansone diversa (e l'effetto era persino carino!). Ala fì 2 ure e 40 quase de grinta a manèta. Mi piace quando esco secco come un fico dal palco! Grassie mille al Valentino e a töta l'urganisassiù 'lla festa, davvero gentile e con un servissio di prima qualità.
31/07/2010 COVO - LUGLIO COVESE (Piazza S.S. Apostoli)
Seràda gnìda fò bé 'n töt chèla de Cof. An turnàa per la quarta olta e 'n ghìa 'mpó pura, magare, de ìt anche chèl attimo rumpìt i tole e 'nvece tata zét, bèla atmosfera, bèl tép, bèl töt! Bèla pò ala Elisabetta biondissima che la ma menàt in piasa co' la Porsche (argü la cantàt: "E faga caso 'n banda a chèla co' la Porsche ü bröt gòp al gh'è mai" ah ah ah). Certo che l'Asperti organissatore previdente, per non correre rischi, me l'ha fatta conoscere con la macchina addirittura in moto (30 segoncc prima)! (Ma sói 'ssé periculùs? La maiàe mia la Elisabetta eh! ;-)). Inissio con "Al concerto de Vasco" e "Erba e néf" poi rallentamento di gnecchitudine fino a "Gleno", venuta davvero molto bene, preceduta da una doverosa introdussione che, immagino, abbia fatto capire un po' meglio alla piassa di cosa di parlava. Pian pianino an sè turnàcc a fa 'mpó de rebelòt; "Spèi fèmne" picchiata giù con una Sonia de Boltér davvero in versiù femme fatale (per ol sò om che 'l fàa i agn neh), brava e bella carica. Suggestiva "Massimo Carrera" coi stelìne 'n dol pubblico. Sö "Sta al mont adès" ol Còchet la tràt zo l'impusìbel (a microfoni spenti per fortuna) causa calabrone che 'l ga sè 'nfilàt sö per i braghe. Immagino che le 3 punture sulla gambetta non siano state piacevoli per il buon Cochet. Il calabrone è stato finito dallo stesso a papine tirate a caso söi braghe: il corpo esanime è stato poi consegnato alle Autorità per l'autopsia. Al banchetì vuvuzelas (trumbetine spaturù) per töcc e söl gran finàl de "Coston Beach", al pòst di stelle filanti e di coriàndoi, ma sbaràt di balù de cuoio del mondiàl: complimenti a l'Animale che an na sbaràt du e con töcc du la ciapàt ol mìsser in pieno (che criminàl de ü). Grassie mille ala sciùra Margherita che la fàcc sö i raviöi, al Sìndech e al Cümü de Cof, ai Alpini e ala Protessione Civile e, naturalmente, all'Asperti super brillante organissatore e super bepifan. A fì concèrt lo ést abastànsa desfàt ma cuntét. Ovviamente grassie anche a tutti voi.
30/07/2010 BREMBATE SOPRA - CAMPO SPORTIVO
An ga tegnìa pròpe ala data de Brembàt Sura perchè l'Organissassione aveva scelto la solussione più spettacolare a livello audio/luci e pò al palcù e la location i era ol top. I previsiù i dàa abastànsa bèl, infatti...acqua a sidelàde e a l'uràre pegiùr: quando la zét la ga de decidì se gnì fò de cà a èt ol concèrt o sta lé cüèta a cà al colt al söcc. Pòta, però, considerando come veniva giù alle 21.15, an pensàa gnàch de sunà! E invece, con i soliti Alessandro e soci a correre in giro, ai 22.15 an ga sè riàcc a partì! Davanti a noi, con mia grande meraviglia, non 4 gatti come pensavo, ma 'n bèl pó de zét per cui un po' masochisticamente mi chiedo quanti sareste stati col bel tempo! In ogni caso grassie per seguirci anche in queste condissioni non proprio agevoli! A dare il via al tutto (con moooooolta calma: l'ìa mia capìt che 'l ghìa de pàrt de per lü sènsa che nisü al ga disìes: "Via!") il super bellissimo, sensualissimo, luigitenchissimo Enzo Albini al violino, sèmper brillante e strabrao, nént de dì (al lo sa a lü nèh!). Prima parte di concerto tutta imperniata su brani in cui impiegavamo questo strumento, seconda decisamente più rock, con la Mimma di Curno (al pòst dela Irene Grandi che la ülìa curumpìm con d'öna nòcc al motel) a cantare "Spèi fèmne" con me. Grintusa la s-cèta! Pecàt ìt teàt fò tace discorsi, tace ciciaràde, la lettura di strisciù di fans e la cansù "Al concerto de Vasco" che l'ìa 'n scalèta, ma, del resto, an viagiàa con 3/4 d'ura de ritàrt e ai 00.20 ma düsìt dì "ciao" a töcc. Considerato il tutto, quindi, "lecàs zo i dìcc" per coma l'è 'ndàcia. Per ritrovare quell'impiantone lì (ma 'l palco no, al ma spiàs) appuntamento a Ruèta ol 21 de agost. Grassie al Comune di Brembate Sopra, a tutta l'Organissassione, molto gentile e brillante ('nfina a 'l camper e la palestra an ghìa a dispisissiù) e alla Audio&Luci de Traaiàt ieri in gran spolvero (i era adiritüra in 6 persune).
17/07/2010 TRIBULINA DI SCANZOROSCIATE - FESTA DE LA SCÖLA NÖA
Sabet 17 an ga üt dal bù pura che la gnìes fò come l'an prima, costretti a suonare in qualche modo sotto il tendone causa nubifragio. I previsiù i era mia ol top gnà staolta. Tuttavia alcuni siti Internet erano più ottimisti (tra cui ilmeteo.it) e ma decidìt de pruàga. Digherès che la gh'è 'ndàcia bé. Ol prim dopolmesdé la fàcc impó de sgròi e pò dopo basta fina ai 23.40. Giösto ol tép per noter per fa ol nòst bèl cuncertì! Inissio davvero particolare, alle 21.15, con "Ol süpermercàt" seguita da "Sella rovente" e pò dopo, pian piano, sèmper piö gréf. "E cante chi" ripescata dal cilindro e "Spèi fèmne" fatta con un'ingannevole Gaia di Luzzana, che la sömeàa afona e 'nvece afona öna bèla bursa! (Bràa Gaia!). In dol finàl del concèrt an ghìa come coreografie i sömèlech de dré e la zét la tacàt a ciapà pura e a 'ndà. Nóter an ga üt giösto ol tép de sbarà i s-ciopècc e de salüdà: dopo 5 menücc al sè 'nviàt là ol finimont (i è gnìde zo pò a di bele balutìne de giàs), ma non sembra che, nemmeno alle cose, siano stati fatti danni. Al ma spiàs impó per chi dol servis che, pòta, i 'na ciapàt sö 'mpó piö de nóter (ol piö més de noter l'ìa ol Dolci). Grassie mille a tutta l'organissassione della festa (maiàt da Dio!) e alla Fam. Martinelli. Grassie anche ala sciùra che la ga regalàt la mermelàda nostrana e ol limoncello!
16/07/2010 RONCOLA DI TREVIOLO - FESTA RONCOLESE
Seràda molto positiva chèla ala Roncola de Treviöl. Ol "dai e dai" del Jagger (al ghìa 'nfina ol strisciù de fò da cà sò) la cunvincìt i urganisadùr a ciamàga e gó de dì che raramente capita di ricevere commenti così entusiasti proprio da parte degli organissatori stessi! An sè noter, però, che 'n ga de dìga grassie al Walter e a chi oter per la disponibilità e la gentilessa: a doma chèl chi ga fàcc pruà dèla cüsìna (domanda dei Prismas golardi che riporto: ma la ragassina che andava e veniva dal camerino...quace agn gàla? Nel senso: éla maggiorenne o no?:-))! La giurnàda l'è stacia stracólda, ma la sìra la ghìa ön arièta che la fàcc in modo che 'l mé record de südùr bötàt fò a go gnè pruàt a batìl! Scaletta un po' atipica, con inissio rock ("La Erika") e parentesi country centrale, recuperata (con tat de discórs bèl gnèch e savrìt) "La mé zènt" per l'occasione, "Pirlies" blüs che l'ìa 'mpó che ma la fàa mia...e finàl amò bèl rock, co' la Ivana Jagger padruna de cà che la cantàt bé, ma bé dal bù, "Spèi fèmne" insèma a mé. E adès speróm che, visto che l'è 'ndàcc töt bé, prima o dopo an pöde turnà!
04/07/2010 ALMENNO SAN BARTOLOMEO - FESTA DELLA SOLIDARIETA'
Bèla seràda a Almèn! Ol dopolmesdé ü cólt memorabile (l'è düra, ma a mé al ma a benone) coi s-cècc chi zügàa 'n dol prat e la sira finalmente öna data sènsa pura de ciapà di sgròi sö la crapa. A Almèn la zét l'è sèmper istacia tanta e pò a staólta ol colpo d'occhio dal palco l'ìa bèl. Ol Pio (come töcc i urganisadùr o quase) lamenta incassi non adeguati al numero delle presènse, ma pòta...sappiamo tutti come è la situassione generale a mèret de palanche. A lièl de spetàcol, invece, inissio desueto con "Mao 'll'ümidità" in versiù swing preceduta da un'autopresentassione davvero fuori di biglia di ogni singolo Prismas, rispolverata di nuovo "Capiit?!" tra le old songs e, tra le new, "Spèi fèmne" fatta giù con la Silvia de Cavriàt, brava sia nel canto che nelle movènse. Da segnalare il "Katieria" sbraitato dal Giuliano del BFC co' la ùs da demone e ü tòch de "Bala Valseriana" fatta giù da un bocia nel pubblico che davvero...urco Giuda, mai sentito nulla di simile! :-)Ala fì, puntuali come ü leròi, a mesanòcc fine delle danse che almeno nisü al pöl gnì a rumpì i tole. Unica nota dolente: l'aria che fischiava giù da San Tomé che, pròpe 'ntàt che sparàe i s-ciopècc finài, la ma 'nciodàt la schéna che ga riàe piö gnàch a fa ol balletto biciclettoso. Amò ach adès só ché che fó öna fadìga boia a müìm! Momendol, Coefferalgan e posà dét che tanto fina al 16 an suna piö (proe escluse). Grassie al Pio, agli altri della Festa e bacio ala Cinsia della cucina rimandato: mé so 'ndàcc fò a truàla vers a ü quàrt a l'öna, ma lé l'ìa zamò 'ndàcia a cà sò! Ga saràla restàda mal?
01/07/2010 CHIGNOLO D'ISOLA - FESTA DELLA BANDA MUSICALE
Mé dighe sèmper che al cólt a stó bé e l'è éra, ma iér effettivamente a Chignöl al ta teàa 'mpó i gambe. Se pò dopo go i brillanti idee de metì sö ròba tipo i braghète de flanèla o 'l soprabito, pòta...Comunque bella serata: zamò quando al piöf mia l'è töta ön otra stória (adès pò che 'n ga pò al meteorologo Fabrissio al seguito ciao!). Al campo sportivo de Chignöl ghìa tata zét e a mé al mè sömeàt che ol concèrt al sabe giràt déter giöst. Dopo un bel po' di tempo abbiamo ripicchiato giù "Pase zo", parentesi tirolese, ma soprattutto una spumeggiantissima Gabry, bràa dal bù a fa "Spèi fèmne", sia come us che come interpretassiù. Particolare ilarità ha suscitato la scaletta che la ta menàa söl palco. Dolci al dìs ca l'è "da cantér", mé disìe che l'ìa "da piscina", ma la tesi più accreditata vuole fosse "chèla di colombàre". Alegria a manèta pròpe! Complimenti anche all'Alessandro del mìsser, iér tràcc in causa almeno 3 olte! Comunque tutto ok...magare, èco...ü cartèl in piö a Téren che 'ssé fenése mia a Calösch come iér! :-) Grassie a tutta l'Organissassione, soprattutto alle signore gentilissime che i ga purtàt de maià 'n camerì (c'han fatto su anche il panozzo personalissato col nome e la banderìna).
30/06/2010 MORNICO AL SERIO - FESTA SULL'AIA Visita il sito della Festa!
Seràda decisamente positiva chèla de Mürnìch (la dieresi mé la mète perchè o ést che chi dol pòst i lo scrìf issé): bèl colt (ol dopolmesdé al ciocàa zo bé eh!) e bel tép (du góte vèrs ai 23.00, ma pròpe du), öna sburdelàda de zét, un contesto magnifico (davvero bello sia il paese di Mornico che l'aia 'n do chi fa la festa) e suggestivo. Chèla casìna lé i la dorvàda anche per fa di riprese de "L'albero degli zoccoli" ed è affascinante, nént de dì, soprattutto per mé che ègne zo di montagne e a certe laùr so mia tat üsàt. La scalèta l'è stacia particulàr: ü crescendo da "Ol gir di coregn" a "Moto Gussi R&R", mia tròp catìf e comunque sensato. Öna olta tat an sè ciapacc pò a la sudisfassiù de picà zo "Gleno", anche in virtù di un discorsetto che o facc dal palco riguardo a chi chi ma dìs che 'l ga toca begà töcc i dé con chi proprio non sopporta (o forse non capisce) il Bepi. Iér ma südàt e rüsàt a doér. Complimenti alla Alessandra di Galliate (NO) che ha picchiato giù egregiamente la parte della fretola saggia e gnocca in "Spèi fèmne", meravigliando tutti soprattutto per i km che la fa töcc i olte! M'è anche piaciuto andare a salutare "i sciùre" 'n cüsina e far la foto con gli organissatori e i volontari della festa: quando va tutto per il meglio ogni piccola cosa ha un altro sapore. Grassie ala sciura Chiodini e a tutto lo staff e speró che la nòsta prima olta a Mürnìch la sabe mia l'ültima.
27/06/2010 VALBONDIONE - SKY RACE 3 LAGHI 3 RIFUGI (ore 15.00)
Pòta...dì cusè dela data de Bundiù? Sinceramente crède che mai come staólta ol Dolcetto l'è stàcc fondamentàl e mai come staólta al gh'è tucàt südàsla chèla paga! Il Mario Marzani, che già ci portò in Maslana nel 2006, organissatore della Tre Laghi Tre Rifugi (gara de Sky-running), l'è pròpe mia catìf e 'l sa 'mpègna öna cifra, ma quando to sé 'n per té a fa töt a l'è düra fés e, quando s'ga sta mia dét, merès pensàga chèl falinì prima perchè i gh'è pò ai oter chi ga de fa 'l sò mestér e, si spera sempre, nel miglior modo possibile! Fatto sta che delle nostre richieste da Pirlies (ròba da star invissiàde pròpe!), metìde zo ciàre söl contràt e firmàde, al ghìa giösto ol palco! Il resto è stato un susseguirsi di delicate assioni diplomatiche (del Dolci...mé ma cunusì zemò no? A l'è mèi che cante) per poter portare comunque a casa uno spettacolo dignitoso, in mèsso a una cifra di inconvenienti vari, alcuni parsialmente imprevedibili (ol füneràl che 'l ga de pasà...de dümìnica, pròpe a l'ura c'an suna nóter), altri decisamente più antipatici ed evitabili (corènte destecàda per du ure, cunsiderassiù generàl di sunadùr a lièi minimi, toni decisamente poco felici...). Che dire: di olte mè ciapà di decisiù al volo e va scónde mia che 'l fatto de saì quace de óter i era fàcc i nömer pür de is lé la 'nflüìt e mia póch. Chi abbiamo di fronte merita sempre il massimo, comunque e, a lièl de professionalità, mé pènse pròpe che 'l ga sàbe negot de dìga a Bepi & The Prismas. Söl palco, tra l'altro, nóter bé o mal an sa dièrt sèmper: l'è la nòsta dimensiù migliùr. La zét la ma dìcc che la "gita" la gh'è piasìda perchè i montagne, che a Bundiù i ta arda pròpe "dal volt al bas", i ga 'l sò fascino. Bene, dai...mèi 'ssé!
26/06/2010 MANDELLO DEL LARIO - G.A.L. FEST
Spetàe da 'mpó la data de Mandèl perchè, pòta, Mandello del Lario è la patria della Moto Guzzi e per ü che la facc zo "Moto Gussi R&R" ghi' mia idea de che sudisfassiù ca l'è püdì fala zo 'n chèla piasa lé, che quando chi gh'è i GMG (Giornate Mondiali Guzzi) l'è quarciàda zo de Gussi! Era tanto che sognavo di farci un concerto tutto mio! Il palco non è il top del top per l'acustica e neanche per l'estetica (barriere denàcc, gnà ü pòst per tecà ol fondàl), ma ci si adatta, disóm. C'è un'atmosfera da "è così e va bene così" che difficilmente c'è altrove. A tutto ciò aggiungiamo due dati non secondari: tata, tata zét, di nòs-cc "soliti" bergamasch disóm, ma anche tance da fò (Novara, Teglio, Rovato, Sergnano...)e tan-ce pò a de Mandèl, gnìt a sènt Bepi & The Prismas per la prima olta (magare la födès sèmper issé!); e pò dopo un'organissassione, chèla dèla GAL Fest, davvero encomiabile a lièl de efficiènsa e gentilèssa. Speróm chi sa sàbe truàcc bé e de püdì turnà! A fa "Spèi fèmne" la Sabry de Balàde, öna olta tat de pröf a cà sò, che direi essersela cavata più che dignitosamente, considerata anche l'emossione (la dìcc che l'ìa dré a palà 'n tèra!). Grassie all'Antonio e a töt ol sò staff!
22/06/2010 CURNO - ROCK'N'BEER FEST
Seràda carica a Cüren! L'ìa la prima olta che 'n riàa 'n paìs e, öna olta che 'n ghìa ol tendù sura la crapa, ovviamente la mia piüìt! 'N dol turnà a cà, comunque, o ciapàt ol sólet sgròl al Custù (poteva mancare?). Inissio a sorpresa col solo del Còchet che introduceva "Erba e néf", scaletta abbastansa tosta visto il contesto rock, bepifans organissatissimi (thanks Giuliano) coi coreografie e rispolverata finale del Bepi adiritüra di braghì de jeans che l'ìa 'n bèl pó che s'gi edìa piö! A fa "Spèi fèmne" l'è rampàda sö (anche se mia pròpe iper-convinta) la Vanna de Sambusita (Algua). Molto emossionata e un po' precipitosa nel cantare la sua parte, ma nel complesso brava! Ala fì seràda colda e ben riuscita direi. Grassie al Dolci che ha ottenuto alcune basilari modifiche dell'impianto e del palco e grassie mille a tutta l'organissassione della Rock and Beer Fest sia per aver accontentato il Dolci (che almeno adès al va 'n gir a fa 'l figo-potente) sia per la gentilessa e la disponibilità con cui siamo stati trattati. Speriamo che ci si sia accorti che sul palco, come sèmper, nóter ma dàcc ol massimo. E l'è pò chèl che 'n ga rìa a fa mèi!
19/06/2010 BONATE SOPRA - FESTA AVIS/AIDO
Ol 19 de zögn o fàcc giösto 'n tép a gnì 'n zo a pè dala montagna dol mé paìs che 'l sè 'nviàt là ol temporalòt. So 'ndàcc a èt sö Internet quat ca li 'ndàa 'nnàcc e o ést söbet che fàe prima a metì vià ol pensér! A Bunàt Sura per la festa de l'AVIS l'è stacia bagnàda dal prim dopolmesdé fina a quando 'n sè partìcc per turnà a baita ala fì! I urganisadùr i ma anche dìcc che pò a chi che i a muntàt ol palco i 'na ciapàt sö asé e pò amò! Forse a metìs ol cör in pas söbet l'è mèi: ta s'na fé öna resù e s-ciao! O forse, 'nvece, ol concèrt l'è gnìt fò bé (uno dei migliori come qualità generale percepita sul palco) perchè ma ést che, nonostante i cundissiù pietose dol tép, an ghìa denàcc comunque tata zét e davvero, almeno un pochino, ci rendiamo conto di quale grande privilegio abbiamo, potendo sempre contare su un seguito del genere. Come spesso avviene in queste occasioni magare an suna ü falì de piö e mé parle ü falì de meno, che almeno pò ala zét la balìna 'mpó e la sa scolda. Certo i umbrèle i facilita mia la buna visiù de töcc, ma pòta...faga chè? Ede comunque che de zét laàda trebatìda ala fì 'nnè sèmper! Brava la Maria de Botanüch a cantà "Spèi fèmne": un po' agitata, ma mia asé de riàga a fa negot. Piccolo fuori programma per canticchiare, come a Casale, "Hauling one thing" del Trace Adkins (giösto 'ssé per diertìs) e finalone come sempre bello carico. Davvero tantissimi complimenti agli organissatori: ottima cucina, gentilèssa davvero rara (i ga purtàt pò ai pizze ala fì), grande positività nonostante la pioggia, davvero brava gente e bella atmosfera! Sperom de turnà pò a l'an che é. Un ringrassiamento anche a chi dela Audio&Luci de Traaiàt: al ma dispiàs fés quando i vède lé a laurà per di ure sóta l'acqua, magare de nòcc. Speróm che la cambie la sunàda perchè adès la sarès anche ura!
17/06/2010 CASALE CREMASCO - CASALE ROCK FESTIVAL
Per la quarta olta an turnàa al Casale Rock Festival. Ol ricordo l'ìa bù e infatti nemmeno questa quarta volta ha tradito le aspettative. Ma truàt ol sólet palcù, la solita urganisassiù urganisàda (scüsì 'l zöch de parole), i solite mosche amisùne e la solita sbordelàda de zét. L'ünech problema forse l'ìa ol tròp burdèl söl palco, particolarmente fastidioso soprattutto sui miei parlati tra un pèsso e l'altro (ghìa sèmper argót prunt a "inescà"), ma per il resto tutto ochèi dai! La scalèta, come prevedibile, l'ìa bèla gnèca e questa sembra essere sempre cosa gradita tra i fans piö afesiunàcc. Da öna banda 'l ma fa piasér perchè indubbiamente tata carica l'è öna valvola de sfogo sia per vóter che per nóter, ma da l'oter al ma spiàs impó che, di olte, concerti mirati a mettere in evidènsa, magare, brani 'mpó piö tranquilli i vègne scambiàcc per concèrcc piö "mòi". Ogne laùr li stà bé al sò pòst, ensóma! Se spingessimo sempre come dannati e basta ol "piano" e ol "forte" i 'ndarès a chèl paìs...e la dinamica per mé la cünta amò argót! A Casàl comunque li 'ndàa bé 'ssé: bèi gnèch. Molto ricche e variegate le coreografie tra il pubblico (grassie al Giuliano e a chi chi ga dà öna mà) e direi buona la performance dèla Sara de Cavralba in veste di vice-Manenti sö "Spèi fèmne". Abbiamo salutato la prematura scomparsa di uno degli organissatori a suon di sudatissimo R&R: pènse la sabe stàcia la manéra migliùr per ü come lü! Grassie a tutto lo staff del Casale Rock Festival e speróm de edìssa amò l'an che é.
12/06/2010 TEGLIO - PIZZOCCHERATA
Ma la spiciàa con ansia la data de Teglio: per l'atmosfera, per l'accogliènsa, per ol pòst, per il viaggio, per ol maià e per ol bìf, per la nòcc de pasà lé...Pòta, tutto strabello anche quest'anno, negot de dì, ma l'acqua la ga ülìa pròpe mia! Volevamo che la Astel organissatrice facesse un bel pienone come merita per come lavora; per carità, de zét ga n'era, ma quando al taca a piöf ai 20.30 e praticamente al desmèt piö (a tratti la gnìa zo a sidelàde pròpe) l'esito della serata non può che essere fortemente compromesso. Mè anche metì 'n cünt che ol teré l'ìa erba e tèra (ü parco giochi) e quindi, dopo mia tat, töt al taca a dientà paciüch. Zét denàcc al palco puchina (gli inossidabili inarrugginibili bepifans), ma almeno chi sota i tensostrütüre i è mia 'ndàcc a cà e ol nòst cuncertì ma la purtàt ala fì piö che dignitosamente. All'inissio si sentiva un po' l'effeto rosso della Valtellina (spettacolari anche gli sciatt e i pissoccheri!), ma comunque tutto direi molto ben gestito (ma anche sunàt bé, sinceramente). "Spèi fèmne" l'abbiamo picchiata giù co' la Gabriella de Alzà, abastànsa anarchica come tempo e intonassione, ma presa benissimo (al la dìcc lé) dal poter "palpottar su" finalmente il Bepi (ma la sè limitàda parecchio. Intimidìda dai lüci?). Finìt ol concèrt fèta de turta beposa (vedi foto) e töcc a zügà a balù 'n palestra (da segnalare la povera Ivana Jagger "abbattuta" da una tuonata davvero poco cavalleresca del Guidone strafoghéto) fino a che lo sfinimento non ha prevalso su tutti quando i uselì i era zamò dré a cantà. E comunque infìna ai docce i era ü botép! Complimentissimi alla Astel, al Giovanni, all'Alfredo, a tutti! Ci spiace per il tempo, ma l'è mia stacia culpa nòsta. Nóter an sè 'mpegnàcc istès al massimo! Speróm la aghe mèi l'an che é dai! Una saluto ai neo-fans de Firènse che i è gnìcc sö apòsta a scultàga la prima olta.
06/06/2010 ZANICA - BERGHEM SOCCER & MUSIC FESTIVAL (Centro Sportivo)
Bella fuori di melone la data de Sanga (Zanica) al Centro Sportivo! An sè partìcc zamò al dopolmesdé perchè c'era la partita del Berghem Soccer Teram cuntra chi de Radio Deejay: in campo una sbordellata di nomoni del calcio e dello spettacolo (Tiribocchi, Carrera, Vierchowood, Nicolini...i finìa piö!) e mé, ol Guidone e l'Animale dét a nóter, intrusi, per püdì dì: mé ga sìe. A un certo punto Capitan Carrera mi mette lì l'occasione della vita: al ma fa tirà ü penalty cuntra...Pelizzoli (cioè, non so se mi spiego). Sìrche de mia 'nsacàla (mia la bala neh) e vado di piattone disinvolto sul palo destro, talmente piazzato sul palo destro che...lo ciapàt in pieno! Basta: ai nipoti non racconterò nulla. "Gol è quando palla entra porta" al disìa Boskov. E 'l ga mancàa 'l Piröla 'n banda al camp e tö 'n gir (la sò specialità)! Poco dopo nuovo rigore: stavolta va sul dischetto il Guidone Orobico (cuntra Pelizzoli a lü): palla a Grassobbio. Mal comune mezzo gaudio. Anche lui ai nipoti dirà semplicemente che la sunàt a Sanga e fine. Ol concèrt l'è partìt direttamente col grande Massimo Carrera sul palco a fa zo la sò cansù sia in versiù blüs che 'n versiù standard e poi, via via, il resto. Davvero bravissima la Moira de Trescùr a fa "Spèi fèmne" (s'era capito che era brava: l'è gnìda sö tròp sigüra!) e finalone stracattivo con almeno 6 pèssi rock consecutivi, compresi "Cosa ga det dré ai terù?" e "I boröle de Tone". Chi chi vülìa la katieria i è stàcc cuntentàcc. Infina a "Tanti auguri a te" ma la sunàda metal per ol Bobo A4 che 'l fàa i agn! Davanti tanta gente, soprattutto nella prima parte di concerto (pòta, l'ìa düminica e noter ma sunàt amò 2 ure e mèsa), e öna festa digherès gnìda fò pròpe bé, complice anche il bel tempo e il caldo soffocante che a mé al ma piàs sèmper. Complimenti al Serse Pedretti della ONIS, ideatore dell'accoppiata calcio-musica e grassie mille a tutta l'organissassione della festa il cui ricavato andava alla Ricerca per le malattie rare.
05/06/2010 FIORANO AL SERIO - FESTA NO ALCOL (parcheggio dietro Bar Icarus)
So mia sa l'ìa perchè an sìa di nòste bande (de chèle del Guidone e del Bepi almeno), se perchè ol concèrt al l'ìa urganisàt ol Bar Icarus, gestito dal Renato e dala Roby, che i ga tegnìa pròpe tat tat tat...credo forse un po' meno per il messaggio positivo del "NO Alcol Festival" (pòta, ardì mò i Prismas...a parte forse 'l Guidone i è mia pròpe di astemi-modello!), fatto sta che a Fiorà l'è gnit fò ü concèrt stra-carico. La zét l'ìa tanta, considerata pure la concorrensa delle feste in giro e l'assensa di una vera e propria festa intorno (maià e bìf doma al bar e basta): il parcheggio era bello gremito. La scaletta l'è stacia ü crescendo continuo, partendo dalle parole del Sindaco Poli e l'assessore Pegurri, poi le robe più country (inissio con "Ol gir di coregn" e la rara "Bigio BG"), passando per le continue gaffe mie sulla festa (però ol messaggio vero lo lanciàt dal palco, a parte i schèrs), l'esibissione non-esibissione della Jenny barista che la ma dìcc che argót l'avrès fàcc, ma ala fì la giösto mossàt impó ol cül e basta (e póch a chèl) sö "Spèi fèmne" (però la perdoniamo perchè è simpatica e soprattutto anforosa), fino ad arrivare al finalone rock con "Al concerto de Vasco" in una versione leggermente modificata, ma sèmper d'impatto e la sequènsa mossafiato "La festa-Ol citofono-Moto Gussi R&R". Ala fì i è saltàcc söl palco anche ol Renato e la Roby de l'Icarus (pòta...Renato l'è simpatech, ma la Roby...che dire...ah?), visibilmente emossionati, ma cuntécc per töt. Se la meritavano una serata così: l'è da zenér che i ga sta dré a 'sto concèrt! Un grande grassie a loro, ai comuni di Fiorano, Vertova, Gazzaniga, Cene e Colzate per l'inissiativa, al nostro service, sempre scrupolosissimo, e, consentitemelo, ai grandissimi Prismas che i capés al volo quando öle rüzzà in d'öna certa manéra e i ma é dré a ìda, sènsa dìs negót. I fans, come sèmper, i fa töt ol rèst.
01/06/2010 PREZZATE DI MAPELLO - RIINFEST
Seràda carica chèla de Presàt, in da piasèta per la Riinfest, anche se, vista la lochéscion, o mia calcàt tròp sö l'aceleradùr del rock. De zét, come sèmper quando an rìa 'n de l'Isola, ga n'ìa öna caterva, la serata era fresca, ma mia de lamentàs tròp disóm (vers a sira al tecàa anche a piöf, a Nòsa almeno mé o ciapàt ü bèl isgròl)! Ol concèrt l'è stàcc bèl lónch, ma con diverse parentesi (strisciù a parte). Dopo 'l discórs di urganisadùr, infatti, söl palco i è riàcc la Melissa de Brüsapórt a cantà "Spèi fèmne" (bràa, quell'acqua e sapone che....èco :-)), ol Christian de Cisà col sò strafamoso du aste del MaraDoni a cantà "Cristiano Doni" e infine öna delegassiù del BFC (Maria, Giusy e Sabry) a purtàm la turta coi candeline, i fiur e ol messaggio di fans (de tan-ce de lur almeno) per ol mé 36° compleanno! Grassie s-cècc! Ere dìcc "niente regali", ma 'l sìe zamò che la riàa stès öna zèrla de ròba! :-) Grassie di cuore. Ol regàl piö bèl per mé l'è quando töt al fila vià drécc come iér, quando ède tata zét diertìs, de töcc i età, de töcc i risme e töt ol rèst. Non c'è nulla che valga la soddisfassione di rendersi conto che, poco o tanto che si faccia, quel che facciamo in qualche modo migliora la vita di tante persone. Iér mé e i Prismas ma la capìt amò öna olta, a partì dal prim strisciù che ma lesìt: "Ol Bepi a Presàt, ü sògn realisàt!". Grassie agli organissatori e a tutti quanti.
29/05/2010 SERGNANO - FESTA DELLA POLISPORTIVA
Seràda super-positiva chèla de Sergnà: tata zét, situassiù ottima, maiàt e biìt benone, temporàl spacaturù schiàt...a ülì pròpe fa chi ipe s'püdìa magare dumandà chèla brachina de gradi 'n piö, ma lamentónsa mia alà! Due ore e messo di concerto bel tràcc; bello sduccioso insomma! Inissio tutto cochettoso con Pirlies blues e Bepi mischiato su nella folla. Complimentoni ala Marina de Carvensà che sö "Spèi fèmne" ha strabiliato tutti (ma non me l'ha contata tutta subito sul palco: ha esperiènse nel campo musicale la ragassa!) sia come voce che come interpretassione. Improvvisassione ben riuscita (co' l'Animale e ol Bobo A4) pò a chèla sö "Al mercàa de Porta Romana" (Hecatombe) del Nanni Svampa, con un Bepi stradilàdi-inedito che 'l canta 'n dialèt milanés! Innumerevoli parentesi aperte (e di olte mai seràde) tra cui spiccano quella sul servissio di guardarobiere dell'Animale (che la catàt sö da l'armàre la maglièta rossa sbagliàda) e öna caterva de otre. Finàl megacarico e solita nuova dansa tutta coniglissima. Un plauso all'organissassione, pignola, precisa ed efficiente, un plauso al service che amò öna olta la lauràt bé, un plauso agli Jagger, instancabili tiratàrde al banchetì (i fenés mai de cargà chèl furgù), un plauso anche al Dolci dai che la fàcc amò ol sò doér egregiamente. Grassie mille per i regài: in camerì i è riàde di butigliète pregiate (che saranno gradite a suo tempo quando 'n gi tirerà sö), 6 röse blö e pò a di formidabili turte. I ga öl pròpe invissià chi bepifans!
14/05/2010 CASIRATE D'ADDA - FESTA DEGLI ALPINI (Palagerundium)
Öna bèla seràda chèla ala Festa Alpina de Casiràt, anche se mé preferése sèmper ol cólt e ol 14 l'ìa amò öna giurnàda sostansialmente frègia (e a tratti piuùsa, meno mal che 'n ghìa la crapa quarciàda töcc). Il tendone è davvero enorme tanto che effettivamente al sömèa sèmper mès vöt se i gh'è mia dét 5 méla persune! Iér forse i era 'mpó meno di oter agn, ma mè anche tegnì cünt che la festa st'an l'è partìda con nóter e, pòta, sét cuma l'è: mia töcc i 'llo sa che la gh'è! I nostri fans in compenso i è sèmper supercarichi (ma ést pò a öna quach strisciù nöf)e pò a iér i a dàcc ol mèi. 2 ure e 40' de concèrt con lunghi intermessi parlati. Ma premiàt la Chiara de Multé quale vincitrice del concorso "motori" (casco ONE per lei), ma uspitàt la Giusy Bigiosa in qualità di vice-Manenti (mia pròpe Mariah Carey a cantà, però ol "piglio" l'è chèl giöst) e ma sunàt (la seterì raramente) pò a "Gleno", oltre che "Pase zo" e "Al fiòca 'n piasa" che 'n fa mia tat de spès. Davvero incredibile come amò öna olta ol capèl de cow boy che o lanciàt al sabe finìt a chi de Brembàt (l'è la tèrsa volta!). O chi fa a bòte per vìglo o i ga ü c.. ca l'è asé mès! Un grosso grassie come sèmper al nòst service, allo staff della Festa Alpina e al prode Dolcetto Scherzetto.
09/05/2010 TREVIGLIO - PARCHEGGIO FILIALE BONALDI MOTORI (h. 17.00)
Data agro-dolce chèla del 9 de mas ala Bonaldi de Treì. Agro a manèta perchè, dopo it pasàt töt ol dé col nas per aria a ardàga a 'ndo ch'i 'ndàa i nìole, con frasi tipo: "No, ma 'l tira de là", "No, ma i ciama mia bröt per incö!", "No, ma per mé 'l fa negót", dopo che l'organissassione della Festa (il Dott. Confalonieri, ma anche il Dott. Brusa e il sèmpre presente Dott. Asperti) aveva fatto le cose non alla grande, di più (i balunsì, ol palco mega muntàt de fò, ol gazebo per cambiàs)...taaac: alle 16.30 si è inviato là a piovere! Va dìghe mia l'umore che tuffo che la fàcc! In camerì al cipàa piö nisü e piö argü 'l disìa: "Mah, forse 'l desmèt" piö la gnìa zo. Siccome la gnìa zo pò a de traèrs la ciombàt sö pò a mès palco, al punto che la data è stata fortemente in dubbio. Alura, 'nsèma a chi dol service, ma spustàt töt vèrs al centro del palco e ala fì 'n ga sè riàcc istès a sunà. La zét (400 temerari circa che hanno finito il concerto in condissioni pietose a dir poco) la sè anche diertìda, ma pòta...èco, an sè capìcc. Nóter ma redàt piö c'an püdìa, ma fàcc anche di cansù che 'n suna mia tat de spès, sono stati lanciati zainetti dal palco da (per)suadenti signorine , la Katia de Dàlmen (brava dai, anche se , a suo dire, troppo emossionata) l'è gnìda sö a fa "Spèi fèmne" söl palco 'n banda al Bobo A4 (ritirata la canotta al banchetto?). Insomma: carne al föch tanta, ma föch che a forsa de sidelàde al fàa 'mpó fadìga a restà 'mpiàt. Grassie comunque a tutta l'equipe organissativa, ai ragassi del service, al sciur Asperti che dopo 'l concèrt al ga tegnìt lé a séna a ufo a mé e al Dolci (e che maià e che bìf), ma soprattutto grassie a chi non si fa fermare da niente e per vedere Bepi & The Prismas al sa cunsa pègio che a gnì fò dala piscina di Giochi sènsa Frontiere. Speróm che la cambie la sunàda però!
30/04/2010 STEZZANO - FESTA LEGA NORD
E öna! Speróm che la prima la sàbe de buon auspicio. Iér tata zét, temperadüra mia tròp frègia (per vìs avrìl) e pioggerelletta scesa giusto a concerto finito. Insomma: l'è 'ndàcia bé e 'n sè cuntécc, èco! I date all'aperto i ta pórta tròp tant co' la crapa a l'estàt: ol Tirol come müsichina d'attesa, i menù di Feste, ol brusio (disóm pür casòt) dèla zét...bèl! Inissio a sorpresa con "Primavera" dal CD Orobiglia (il 30/04 ci stava no?) e poi via a manetta con tanti rockettoni a partire da "Rock Band". Da pèl de poia "E cante chi" con töcc i stelìne 'n di mà di bepifans (belli anche gli striscioni nuovi del Giuliano de Costa Ulpì). Siparietti simpatici sul palco (voto le "bignaghe" finali del Còchet e il dialogo col portiere che l'ìa dré a zügà a balù lé 'n banda)e discreta forma fisica di Bepi & The Prismas (öh, so rampàt amò fina 'n sima al pal eh!). Non ballo più come prima, ma perchè, pòta, ol zenöcc al vusa: "Fèrmet!!" (e 'l ga resù a lü!). Brava la Ily de Costa Ulpì a fare la Titti Manenti sö "Spèi fèmne" (dimenticavo: chi fa la signorina "no no no no" sul palco ha il diritto di ritirare poi la canottierina ala bancarèla): calàda 'n da pàrt ala granda! Un grosso grassie ai sempre efficientissimi ragassi del service (ieri il Nicola sostituiva l'Alessandro al misser), agli Jagger ala Bancarèla (iér in da confüsiù finàl o ringrassiàt nisü) e soprattutto all'organissassione della Festa che, così come gli scorsi anni, ci ha trattato davvero "da sciòr". Regurdìs che ol 9 a Treì ol concèrt l'è ai 5 del dopolmesdé!
17/04/2010 GAZZANIGA - CINETEATRO ORATORIO (data acustica Bepi+Còchet+Animale con Enzo Albini al violino)
Data singolare 'n töcc i sensi chèla al teàter de l'uratòre de Gageniga! Singolare perchè l'ìa ön "evento unico" in acustico, ma anche perchè l'è stàcc bèl sia sunà certe cansù con chèl vestìt ché insolito sia ardàga ala reassiù dela zét. Söl palco 'n sìa 'n 4, töcc bèi sentàcc zo: mé, ol Còchet, l'Animale da cortile e ol M° Vincenzo Albini al viulì. Coreografia póch o nént, 4 lüci come sfónt e pò fine. Ma giösto dorvàt ü pér de olte i immagini video, visto che fò d'dré an ghìa ol schermo bianch dol cinema e söl palco i gh'éra pruietùr e lettore DVD (mé ghìe 45 telecomandi sóta la scagna). La prima olta sö "Erba e néf" e la segónda sö "Gleno" (brano final prima dei non previsti bis, talmente non previsti che l'Animal l'ìa zamò 'n strada perchè 'l ghìa de 'ndà a Trèss a sunà e ol Còchet al sìa zamò cambiàt!). Tra una cansone e l'altra, più che spiegassioni, direi un tranquillo dialogo col pubblico, come se 'n füdès quase dré a fa i próe: ma só preparàt negót. Chèl c'al ma gnìa de dì sö chèla cansù lé al disìe e pò basta. Ala fì, tra öna bala e chèl'otra, ma fàcc amò quase 3 ure de concèrt! Prima de nóter presentassiù mega unciosa (a buon rendere neh!) dell'Anselmo Barbér (ormai storico organissatore) e öna mini-asta con 2 maglie della Dea (Bellini e Manfredini) e l mé capelì storico dol 2008 (chèl auto-autografàt); le palanche tirate su (circa 600,00 euri se non sbaglio) sono state destinate alla costrussione della nuova casa di riposo dol paìs (la dìcc l'Anselmo che i manca piö o meno 8 miliù de euri e dopo i è apòst!). Come o dìcc anche a teàter grassie di cuore a tutti quelli che escono di casa apposta per venire a vederci (e già questa è una gran cosa)...e se i tira fò anche di sólcc grassie amò a de piö (iér i era piö o meno 300)! Un doveroso ringrassiamento anche a tutto lo staff dell'oratorio di Gazzaniga e ai ragassi del service Alessandro e Fabrissio.
09/04/2010 VILLA D'ALME' - TEATRO SERASSI (INAUGURAZIONE STAGIONE ESTIVA 2010)
So cuntét de ìla metìda 'n sacòcia la data del Serassi. Quando, oltre che suonare, dobbiamo anche organissare l'è sèmper ü sbatimènt mega-galattico a lièl fisico, ma anche psicologico! Inutile dire che tesi eravam tesi: una prima è sempre una prima. Ok, an presentàa mia ü CD nöf, ma era comunque un concerto difficile, a lièl tecnico soprattutto. E' andato bene. Sono state 3 ore e 10' abbastansa stancanti, ma spère doma a lièl de energie. Sapevo che saremmo andati belli lunghi: spère la sabe mia stacia tròp nuiusa come caalcàda! Partóm dal prensépe: grassie al Davide Cortinovis che, avvisato da me ben 5 minuti prima, ha aperto le dànse chiamando sul palco l'ex Sindaco de Vilminùr (e Direttore di Araberara) Piero Bonicelli. Grassie poi al Piero, perchè la sua lunga introdussione sulla diga è stata toccante ed esaustiva, oltre che motivo d'orgoglio per me che la cansone l'ho fatta giù. Pò dopo l'è riàt ol "Gleno", a frècc, coi immagini (grassie al Giorgio Capitanio, presente nel pubblico), muntàde da mé e dal Bobo A4. Tutto ok. Primo passo difficile: L'Animale da cortile e il Còchet devono "assolare" tra la gente quasi, staccati dal palco. Tutto ok (strabrài anche i tecnici Alessandro, Claudio e Fabrizio. Appressatissimi anche i zöch de lüce). Du ringrassiamèncc mé e via: ol concèrt al pàrt da "Strade 'lla Basa". Ol mé zenöcc sinìster al ma manda söbet ü bröt segnàl bèl ciàr: salti ok, ma balli mèi lagà pèrt. Enzo Albini, magnifico al violino, spadroneggia in lungo e in largo: un piacere sentirlo, un piacere conoscerlo (l'è tròp ü personaggio!). Mé ciciarùne, ma dièrte. La prima pàrt l'è tranquilòta: cansù tipo "Suoneria..." o "Mao" swing vengono un pelo introdotte a dovere. Calorosissima l'accogliènsa della gente su "Gianpaolo Bellini", facia zo co' la maglia del Bello uriginàl. Finalmente si può risuonare anche "Ol süpermercàt" (e dai, öna quach volte laghìmla fa). Pausa. Segonda part: si scoppietta un po' di più (che dire del divertissement de "E voi ballate" tutta celentanosa? L'è gnìda bé neh?) fino al culmine: la Tiziana Manenti cantante che la rampa fò a sorpresa sö "Spèi fèmne" (bràa la mé coscréta neh? I mè riàcc i cumplimèncc di fans...pò a per i sò fuseaux! "De öna tusa i dìs i dìs però..."). A 'sto punto rockeggiamo a manetta, arriva "Massimo Carrera" in versiù mega-blues e "Erba e néf" coi immagini e 'l Mario Polèt skyrunner sentàt zo 'n mès ala zét (bello lo striscione del Giuliano, come sèmper) e nel delirio generale (tròp fò ol siparietto 'n galerìa col ballerino della Moto Gussi) an rìa ai sólecc saluti finài. Dolci m'ha spiegato troppo tardi come funsionavano gli scoppietti: l'ìa ol laùr piö facile dol mónt, ma chi che 'llo sìa? Risparmiati per la prossima volta dai! Un enorme grassie a voi (il teatro non era stracolmociombo, ma era comunque bello pieno) e al vostro solito calore. I strisciù magare 'n gi leserà da Stesà innante. Grassie all'immensa disponibilità e gentilessa del Silvio e del Luciano responsabili del Serassi (Silvio lì vést pò a n versiù dancer), grassie al Diego Jagger e al sò operato sul fronte bigliècc BFC (oltre che bancarèla), grassie ala mé mama e al mé bubà in versiù cassér dol teàter (ghìe de ìsga lé mé, ma ai 20.05 ghìe amò de finì ol laorà söl palco), grassie a töcc i ospiti 'nvidàcc chi è gnìcc a truàm (facce vips tra il pubblico: De Sanctis de BG TV, Pedretti della ONIS...ròba de prima eh). L'è stacia düra, ma 'n ga sè riàcc. Speróm c'al sabe ü bù segnàl per chèsto 2010. An sa èt sàbet a Gageniga.
28/02/2010 TREZZO SULL'ADDA - Amigdala Theatre
Bèla seràda chèla a l'Amigdala de Trèss! Sarà che 'n suna mia de spès e alura quando c'an suna mi sböta pò! Tornavamo lì dopo un anno e mèsso quasi e devo dire che il localino (che pò l'è mia gnè tat "ino") si presta davvero per la musica live, anche grassie al bravo fonico Davide e ai super-mega-massi schermi che facevano passare le nostre fotazze tattiche. Ol Bepi al fa 'l sò ingrès töt quarciàt zo, memore dol frècc de l'ültima olta, ma di lì a poco...tadaaa, mega sorpresona con crapozza con cresta sul davanti e ol müs del Bepi pò a de dré ricavato direttamente dalla peluria cranica (mega lavoro di fino de l'Anselmo barbér de Gageniga - Via Maffeis 6, 035/712193...al ma fàcc pagà negót, ma 'l ma dìcc de faga pubblicità! Eh eh eh). Superato lo shock la seràda la à 'nnacc con d'ön'otra sorpresa: "E cante chi", il brano NON-voluto al Festival di S.Remo, picchiato giù in anteprima e sènsa preavviso. Risposta del pubblico: buona devo dire, considerato il fatto che 'ssé, al primo ascolto, avrì capìt fò mia tat. Ol festival di nüità al va 'nnacc co' la Lisa, murusa de l'Animale, che la rampa sö söl palco a fa "Spèi fèmne" (bràa bràa...ma non mentiamo: ha trascorsi da cantante la ragassa. Mia de faga pasà bambi a noter! Aé!). Finale con "Moto Gussi R&R" con nuovo caschetto a scödèla e occhialetti bikerosi, "Bepifans" e "Co de goma" nel solito delirio. Bello! Nént de dì. E adesso si parte con l'estate vera, speriamo calda e soprattutto piena e pregna di concerti da picchiar giù, che mé a sta fermo ciape la rösen (oltre a ciapànne gnà ü). :-) Ci si vede il 9 aprile al Serassi! Un grosso grassie a tutto lo staff de l'Amigdala (bune i pizzette eh!).
06/02/2010 CALOLZIOCORTE - Live Rock Club
Seràda ricca di pregi e di difetti quella di Calolsiocorte al Rock Live Club. Cuminsóm coi difetti che almeno chi lé 'n gi sèta fò e 'n fenés in crescendo! Ol locàl l'ìa pròpe belì e ipermega guzzoso, ma dol sigür mia adatto a uspità ü concèrt come 'l nòst, né da un punto di vista tecnico (l'impianto l'ìa 'mpó picinèt e debulì per le esigènse a lui richieste) né da un punto di vista strutturale (tròp volt e sènsa pannelli fono-assorbenti): ol risültàt l'è stàcc ol classico effetto "coèrta": se to lèet sö de ché al fischia de là, se to sbàset a s' sét piö negót! Consolatevi: sul palco non era meglio! Per fürtüna che la scalèta sèmper piö rock la facc in modo che la carènsa acustica si compensasse con una bella scazzuolata di energia! In seconda battuta ol frècc: un locale così alto ha una dispersione di calore mostruosa e ol nòst camerino l'era 'n d'ü capanù enorme e mia riscaldàt! Al mè gnìt in mènt Sarnech 2005! Maaaaamaa! Note positive: an pensàa mia che, a 15 euro al biglièt, m'avrés vést tata zét a Calóls! Ol Rock Live Club l'ìa strapié e ol calùr dol pubblico al compensàa ala granda chèl oter! Io spero alla fine vi siate divertiti, magari basandovi più sull'impatto emotivo che non su quello meramente musicale. Noter an ga proàt e ala fì an sè tràcc fò dai gàbole anche in maniera dignitosa e simpatica mé crède! Un grosso grassie al Moto Gussi Club di Mandello che ci ha offerto la super cenona a base de pasta e turta svìsera, al Mirko e ai sò soci, ala Chiara gussista de Multé che l'è stacia bràa a fa la part dèla Manenti sö "Spèi fèmne" e naturalmente a tutti quelli che, da semplici, inarrivabili fans, ci aiutano ogni volta a rimanere i Bepi & The Prismas che töcc an conòs.
17/01/2010 COLOGNE - Bierbauch
Ièa (versiù nostrana de yeah)! Bèla foghéta la seràda al Bierbauch a Cologne! Mé, gh'è negót de fa: sa 'l gh'è cólt carbüre mèi! Se non sento il sudore che mi cola giù dappertutto al ma sömèa de mia meritàs la pagnòta! Ol palchetì l'ìa mia dol sigür enorme, però, considerando che c'ho il ginocchio sìfolo, l'ìa mia sto gran mal. Tutto sommato mi sono mosso anche dignitosamente, dai. Chiaro che certe sàlcc pöde mia fai, ma mè cuntentàs. La gente era abbastansa: una bella jerla, ovviamente, erano bepifans affessionati. A propóset, giusto per chiarire un dubbio: la parola "bepifan" non sta necessariamente a indicare l'iscritto al Fans Club, ma genericamente chi ama e segue il Bepi. V'al dìghe perchè iér ü pér i ma dìcc: "Noter an vèt almeno 20 concèrcc a l'an, però, pòta, 'n sè mia bepifans!". Come sì mia bepifans? Schersate? Certo che siete bepifans! Mi ero ripromesso di fare un concerto "breve", visto che 'n tacàa banda a des ure. Infatti, ma ést! 2 ure e 45'! Oh, io non lo so se son troppo lunghi o no i nostri concerti! So che se capisco che noi c'abbiam voglia di farne giù ancora una e il pubblico c'ha voglia di sentirne ancora una nóter ma la fa zo e pò fine...e quace bale! :-) Grassie allo staff del Bierbauch, al fonico Cristiano, al Dolci che l'è gnìt zo anche se staolta lü l'ìa mia necesàre e a töcc chi che i ga purtàt ol sachelì coi regalì!
02/01/2010 TEGLIO - SEDE ASTEL
Ol 2 de zenér in Valtelìna ma so diertìt öna cifra. Sarà che già sapevo a cosa andavo incontro, vista la proverbiale generosità e disponibilità della Astel (l'è mia ü nòm de persuna, ma sta per Associazione Tellina). Pòta, in effetti o fàcc gnàch a tép a rià che zamò i fonici Michele e Luca i era ai sò pòs-cc. Du próe veloci e via in albergo (bello, tutto montagnoso. Quando mi danno l'albergo mi sembra proprio di essere uno di quelli veri). Alle 19.30 il via alla cena, con d'öna 70ina de tellini e öna 30ina de bepifans bergamàsch e limitrofi riàcc sö apòsta (a sì 'mpó màcc neh?). Denàcc a mé ghìe ü diretùr de banca simpaticissimo e strafò che 'l seghetàa a 'mpienìm ol bicér de róss (e mé 'l fermàe mia dol sigür)! Öna maiàda pantagruelica: bis de töt! Quando so leàt sö per indà a cambiàm sìe piö sgiùf de ü sciàtt (frittella di formaggio de maià prima o dopo i pissoccheri) e sìe anche 'mpó ciòch, ma de chèl ciòch che resti comunque ampiamente capace di intendere e di volere. La serata è stata strabella. Lo bötàda parecchio söl discorsivo perchè, sènsa la bòta di Prismas de dré, la müsica la pèrt impó de potènsa, segont mé, però alla fine una bella brachina di cansoni le abbiam fatte giù (ga crède: o tecàt ai 21.45 e o finìt ai 00.15!). 4 o 5 cansù adiritüra con 2 chitàre, visto che 'l ghìa lé pò al Còchet a séna e alura lo sfrötàt. I è chi laùr semplici 'n do ca però gh'è l'atmosfera giösta e alura to sté lé mia tat a èt se i gh'è i giochini di luce o se 'l Bepi al sè 'mpapinàt o no. Bello, davvero. Un enorme grassie al Giovanni, all'Alfredo cuoco meraviglioso, a töta la Astel, ai bepifans che hanno fatto sta mega sbaraccata (pòta 2 ure e mèsa minimo a rià sö) e anche a chi ha confezionato il mio cesto-regalo: bellissimo. L'è la prima olta che 'l ma toca discüt con d'ön urganisadùr per mia ciapanne invece che per ol cuntràre. Incredibili 'sti tellini! :-) An sa èt ol 12 de zögn.

      (Pagina 1 dé 1, 42 laùr in töt)  
Arda i esibisiù de st'an
Regìstres Zét in da ciàt 0 Isite totai: 1499144